PERFETTI SCONOSCIUTI

Anno: 2016

Regia: Paolo Genovese

Produzione: Francia

Attori: Giuseppe Battiston, Anna Foglietta, Marco Giallini, Edoardo Leo, Valerio Mastandrea.

 

Il nostro giudizio: OTTIMO

Recensione: Nya

 

Il titolo già mi ispirava. Se poi ci metti la frase di Marquez è ovvio che dopo mesi che non vado al cinema, non ci penso un attimo ad organizzare una serata con amici. Se poi l'Amica te lo consiglia pure.. la curiosità cresce.
Vorrei conoscere Genovese in questo momento per poter fargli i miei più sentiti complimenti per aver fatto tornare me al cinema ma

soprattutto per aver fatto un po' riscoprire a tutti il cinema, e soprattutto il cinema Italiano. Un film grandioso, che mi sono goduta nonostante fossi seduta in seconda fila e col torcicollo già dopo i primi 5 minuti.
Mettere in scena una trama del genere non è facile, invece quel film ti cattura, ti fa sentire protagonista anche se tu di mestiere proprio attore non sei.
La cosa più bella del film forse è il finale. Ma non il finale del film in sé, il finale della serata al cinema quando vedi le facce della gente che si guarda attorno e pensa “chissà lui cosa mi avrà nascosto” oppure “chissà se lei ha segreti con me” o ancora “chissà se facessimo anche noi questo gioco..”.
Guardando questo film ti rendi conto che fidarsi è un po' una sfida e non sempre vinci. Che se dici una mezza verità, una mezza verità ti tornerà indietro. Se nascondi qualcosa a qualcuno, qualcun altro lo farà con te. Che nelle emozioni, nei sentimenti, ti devi buttare con tutto te stesso e questo implica anche fiducia ma... pur ricordandosi che nessuno è perfetto.
Questo film fa capire che ognuno, in fin dei conti, tira l'acqua al suo mulino.
Che quello che abbiamo non ci basta mai. Che ottenuta una cosa ne vogliamo subito un'altra.
Che spesso evitiamo di raccontare proprio tutto all'amico o all'amica perché abbiamo paura che cambino idea su di noi.
Per non la parlare della presunzione di chi propone il “gioco”.. la presunzione di chi sa di non poter essere scoperta perché l'amante è lì a tavola con lei. E allora divertiamoci con gli altri, mentre io sono al riparo da ogni inconveniente. Ma..chi la fa l'aspetti.
E' una ruota che gira. Sempre. E questo film lo ricorda.
Il finale credo sia la cosa più bella.. una sorta di richiamo a “Sliding Doors”: cosa sarebbe successo se..
Ma cosa importa. E' la prima volta che in un film non importa il finale, ma quello che colpisce è semplicemente l'intera trama. E come finisce... finisce. Tornerai comunque a casa con la voglia di fare quel gioco con la tua dolce metà, con i tuoi amici.. ma chissà in quanti ne avranno il coraggio.

Buona Fiducia a Tutti.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 2.70 (10 Votes)